In Viso Veritas

nel tuo viso la chiave per il riequilibrio energetico e il benessere di tutto il corpo

RIFLESSOLOGIA FACCIALE DIEN CHAN

Metodo S.I.R.F.A. - Multi-Riflessologia Facciale


il Dien Chan
Video: 12 Massaggi del Mattino

Corsi & AttivitàCorsi Base - Corsi per Riflessologi - Dien Chan Estetica - Giornate Promozionali

Riflessologi DIEN CHAN metodo S.I.R.F.A.OPERATORI OLISTICI disciplinati ai sensi della L. 4/2013

iscriviti alla nostra mailing list


ti terremo aggiornato su giornate promozionali, fiere, corsi ed altri eventi

mappa dien chan yin yang mappa punti dien chan laterale mappa dien chan yin yang punti mappa punti dien chan frontale mappa dien chan rodin mappa dien chan organi interni

 

  

 

 

 

 

 

 

  per gentile concessione dell'artista

Rossella Torri

 

 

per saperne di più informazioni, approfondimenti, curiosità

Cos'è la RIFLESSOLOGIA?

La RIFLESSOLOGIA rientra nelle discipline olistiche che considerano l'individuo nella sua totalità (OLOS=TUTTO): l’individuo è l’unione di corpo, mente e spirito che dovrebbero rimanere in equilibrio per vivere al meglio. Basandosi sul principio che ciò che è grande è anche nel piccolo (e viceversa), gli organi/apparati/funzioni hanno delle proiezioni che li rappresentano in varie parti del corpo come da antiche tradizioni di medicina orientale. Trattando una proiezione si inviano informazioni di riequilibrio energetico dalle periferie alle parti riflesse interessate attraverso il sistema nervoso. Dal punto stimolato l'informazione si trasmette al cervello tramite il sistema nervoso periferico e il cervello la seleziona e la re-invia rimandandola là dove necessario, ricordando all'organismo la sua innata capacità di auto-guarigione. La più conosciuta è la RIFLESSOLOGIA PLANTARE, che utilizza proiezioni sui piedi o sulle mani; rientrano nella riflessologia anche l'AURICOLOTERAPIA, l'IRIDOLOGIA, il DIEN CHAN.

Cos'è il DIEN CHAN?

Il DIEN CHAN (riflessologia facciale vietnamita) è la riflessologia più recente tra tutte, utilizza proiezioni sul viso di organi, apparati e funzioni del nostro organismo. A differenza delle altre riflessologie le proiezioni sono molteplici e sovrapposte, ve ne sono alcune per la parte osteo-muscolare, altre per gli apparati e gli organi interni. 

Che origini ha il DIEN CHAN?

Il DIEN CHAN nasce grazie all’intuizione del Prof. Bùi Quôc Châu dopo la guerra in VIETNAM (1960/1975) le cui conseguenze furono disastrose. Il professore non era un medico, aveva fatto studi universitari di diritto, lettere e filosofia, ma era un grande appassionato di medicina antica e di agopuntura e, mosso dalla volontà di fare qualcosa di importante per il suo paese, si offrì di prestare servizio al seguito di medici agopuntori in un ospedale. Così iniziò a sperimentare e testare le intuizioni che gli hanno permesso di strutturare una tecnica innovativa: una nuova riflessologia che ha le sue basi nella medicina e filosofia orientale.

Il suo lavoro non è stato solo quello di fare aderire una mappatura sul volto, ma di verificarne l’efficacia e questa sperimentazione gli è costata ben cinque anni di applicazione fino a quando, il 26 marzo del 1980, battezzò il punto n. 1.
Il professore arrivò ad identificare 633 punti di agopuntura sul viso e una ventina di mappe. Oggi la riflessologia facciale è stata semplificata nei punti (quelli importanti rimasti sono una sessantina), nelle proiezioni (non si usano più tutte) e negli strumenti (non si usano più aghi ma strumenti appositamente realizzati).

Il DIEN CHAN è efficace?

La sua efficacia è immediata ed è proprio per questo che spesso si usa nel pronto soccorso: qualunque zona si lavori avrà una rispondenza molto potente e molto veloce nel risultato agendo sul benessere sia fisico che emotivo della persona. E’ una riflessologia che consente di stimolare il proprio viso in ogni momento della giornata e tutte le volte che lo si voglia, in questo modo si ricorda al cervello di riprogrammarsi correttamente e di mandare il giusto messaggio all'organo. E' efficace soprattutto perché il viso è molto vicino al cervello quindi il riflesso si trasmette velocemente. Essendo la pelle del viso sensibile, la stimolazione può essere leggera ottenendo come risultato un trattamento efficace e molto rilassante. Il viso è inoltre la sede di tutti gli organi di senso, considerati le porte di comunicazione tra il mondo esterno e il nostro mondo interiore, cinque organi fondamentali che registrano ciò che percepiscono all’esterno e lo trasportano all'interno (occhi/vista, naso/odorato, bocca/gusto, orecchie/udito, pelle/tatto).

Chi può avere benefici dal DIEN CHAN?

Chiunque può beneficiare del DIEN CHAN facendosi fare un trattamento da operatori che conoscano la tecnica o con l'autotrattamento. Non ha controindicazioni, a parte la stimolazione di alcuni punti (0 e 19), e può essere usato tutte le volte che si vuole e per il tempo desiderato per mantenere al meglio lo stato di salute. Può essere utilizzato sia per prevenire gli squilibri più comuni che per intervenire su di essi, ma anche su problematiche complesse.

Perchè scegliere il DIEN CHAN?

La bellezza e grande opportunità del DIEN CHAN è l’AUTOTRATTAMENTO: ognuno di noi può scegliere di prendersi cura di sé e di occuparsi del proprio benessere in prima persona.
L’autotrattamento si effettua massaggiando il proprio viso in una posizione comoda senza creare blocchi energetici e consentendo all’energia di scorrere in maniera fluida nel nostro organismo. Non è necessario l’utilizzo di strumenti particolari perché si possono usare semplicemente le mani.

Perché il metodo S.I.R.F.A.?

Il metodo S.I.R.F.A. (Scuola Italiana di Riflessologia Facciale Vietnamita Applicata) ha in un certo senso “occidentalizzato” la tecnica prestando una maggiore attenzione al ricevente: è l'unica scuola di DIEN CHAN che effettua trattamenti a riceventi comodamente sdraiati su un lettino. La S.I.R.F.A. inoltre ha scelto di fare un "lavoro a zona" anziché per punti perché sarebbe riduttivo pensare che un unico punto possa risolvere la stessa problematica che per persone diverse avrà cause diverse, ha introdotto infatti il concetto di "punto interessante", inteso come punto personale, all'interno di una zona.
Quando una tecnica sperimentata in un ambiente culturale e climatico molto distante dal nostro, su una popolazione diversa nel DNA e nella conformazione fisica, nell’alimentazione, nel modo di respirare, di muoversi e di fare ginnastica viene importata, dovrebbe essere rimodulata per renderla fruibile e comprensibile nel nostro Paese.

Come conoscere il DIEN CHAN metodo S.I.R.F.A.?

Il metodo migliore per conoscere ed apprezzare il DIEN CHAN è provare un trattamento effettuato dalle mani esperte di riflessologi facciali S.I.R.F.A. che spesso partecipano anche a giornate promozionali o fiere.

Si può scoprire parte del metodo anche leggendo il libro "RIFLESSOLOGIA FACCIALE DIEN CHAN - GUARISCI TE STESSO CON LE TUE MANI" di Beatrice Moricoli e Vittorio Bergagnini - Manuale pratico con mappe e immagini esplicative, frutto di 20 anni di studio e pratica del DIEN CHAN dei due Maestri Caposcuola.

Per chi volesse apprendere la tecnica anche in maniera pratica con l’aiuto di formatori S.I.R.F.A., si può frequentare un CORSO BASE a Milano, a Roma o ad ANCONA. In soli due giorni intensivi si impara come fronteggiare qualsiasi disturbo fisico od emotivo per prendersi cura sia di se stessi che degli altri. Il corso è aperto a tutti: a chi opera già nel settore ma anche a chi non ha nessuna esperienza nelle tecniche olistiche di riequilibrio energetico.

Utilizziamo i cookies per migliorare il nostro sito e la tua esperienza. Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Per saperne di più LEGGI I DETTAGLI.

Accetto i cookies da questo sito